...la nostra storia...

Gigi Panei


Gaetano Panei (detto Gigi) è nato il 30 agosto 1914 a Sant’Anatolia, in provincia di Rieti. Appena finita la guerra consegue il suo diploma di maestro di sci, supera l’esame di guida alpina e decide di stabilirsi definitivamente a Courmayeur. Nel 1936 la guida alpina e maestro di sci Ottone Bron con l’aiuto dei colleghi e amici Francis e Silvano Salluard fonda la scuola estiva di sci del colle del gigante e nel 1947 Gigi ne viene nominato direttore, e, nel 1949 con i fratelli Salluard, Arnaldo Cipolla, Lorenzo Paris e Toni Gobbi danno vita alla scuola invernale di sci di Courmayeur. Gigi è uno dei più importanti maestri di sci d’Italia. Viene ingaggiato dall’Asiva, associazione sport invernali Valle d’Aosta. Tra i suoi allievi troviamo nomi come Osvaldo Picchiottino e Piero Viotto, futuri campioni e fuoriclasse.

Nel 1967 Gigi è a capo del comitato organizzatore dei campionati italiani assoluti di sci a Courmayeur. La Comunità locale ci tiene a fare bella figura e gli occhi degli appassionati sono tutti puntati qui. Un’enorme valanga si stacca dai 2700 metri della cresta dell’Arp, dove ha inizio il pendio prescelto per la gara. I corpi senza vita di Gigi e Renato Rosa verranno recuperati più tardi dagli amici colleghi.

Il Dottor Mario Sincero, l’ottantaduenne presidente dello Sci Club Courmayeur Monte Bianco, che amava Gigi come un figlio scrisse di lui: “Gigi Paney (i valdostani lo consideravano uno di loro. Avevano infatti trasformato la i finale in y alla francese) considerava l’agonismo come un importantissimo fattore di turismo. “il campione, diceva, è un centro di irradiazione, di diffusione, di espansione dello sci in tutte le sue manifestazioni”. È questa la ragione della sua passione per le gare; è questa la ragione della sua passione per la sua professione di creatore e addestratore di atleti e campioni”.

Per ricordarlo, gli amici e maestri di Courmayeur hanno ottenuto che la pista dell’Arp, la sua pista, venga chiamata pista Panei.